Giorgia and her Brothers. Italian Politics between Post-Fascism and Sovranism

Testo delle lecture tenute alla Virginia University e allo Hamilton College il 7 e l’11 novembre 2022

1. Last October 13, in a highly symbolic ceremony worthy of an Oscar award for best screenplay, the irony of history decreed that it would be the senator for life Liliana Segre, as the oldest member of the assembly, who would preside over the first session of the Senate elected on September 25th, that would in turn designate Senator Ignazio La Russa as president. A victim of the racial laws of 1938 and survivor of Auschwitz, Liliana Segre is a ninety-year-old witness of the crimes of the fascist dictatorship. Ignazio La Russa – whose middle name is Benito like Mussolini whose busts La Russa collects – is a leading exponent of Fratelli d’Italia (The Brothers of Italy), the post-fascist party that won the recent elections. He was a long-time militant of the Movimento Sociale Italiano (Italian Social Movement), the neo-fascist party born from the ashes of Mussolini’s after the Liberation; and he was also a front-line protagonist of the clashes between “blacks” and “reds” that punctuated the social conflict in Italy throughout the Seventies.

Two lives, two stories, two memories, two speeches which express two opposing visions of the past and the present. Liliana Segre restated the anti-fascist foundation of our Constitution born from the partisan Resistance, reaffirmed the importance of civil festivities such as April 25th, the anniversary of the Liberation that the post-fascists refuse to celebrate, and warned against the constitutional reforms that the center- right has been threatening to impose for thirty years and can now more easily carry out. La Russa, on the other hand, reproposed in softened tones the post-fascist thesis of the so-called “national reconciliation”, which basically consists of the normalization of fascism within national political history, the dissolution of the Constitution’s anti-fascist discriminant, the joint and equal condemnation of the right-wing and left-wing “opposite extremisms” of the Seventies.

There is in the close comparison between these two figures a catalog of all the questions that have been stirring Italian public debate since Fratelli d’Italia and its young leader Giorgia Meloni won the elections establishing a double record of firsts: the first time a post-fascist party becomes the leading party, and the first time a woman becomes Prime Minister – both, another irony of history, exactly one hundred years after the March on Rome that launched the fascist regime in 1922. There is – first – the historical-political problem of the relationship between the current sovereignist far-right and historical fascism. There is – second – the biographical-political problem of the conflicting memories of three different generations: the generation of fascism and the Resistance; the generation of 1968 and the 70s, which renewed militant anti-fascism as a safeguard against the neo-fascist violence and massacres that were bloodying Italy; the generation that grew up in the 90s, during the so-called Second Republic, which seems more inclined to normalize post-fascism within a physiological alternation between right and left. There is – third – the problem of the so-called glass ceiling, which has been broken by a right- wing woman and not, as one could have taken for granted, by a leftist one. And there is, last but not least, the legal-political problem of the destiny of the Constitution of 1948 under the government of a right that, since its inception in 1994, has had the declared aim of overturning it.
What is at stake is complex, and incomprehensible without shuttling between the present and the past of Italian political history, a history in which the Seventies and the Nineties of the last century play a perhaps more decisive role than the Twenties. I will begin from the present, with a brief analysis of the results of the elections of September 25th.

2. The victory of Fratelli d’Italia, though broadly reported as clear and indisputable, was not overwhelming from a numerical point of view. Its 26.5% vote is certainly an astonishing leap from the 4% it obtained in 2018, but it drops to 17% when taking into account that only 64% of the electorate voted, the lowest voter partecipation rate in the history of the Republic. That 26.5%, moreover, was gained by Fratelli d’Italia at the expense of its allies, the League and Forza Italia, which, compared to 2018, saw their support halved from 17 to 8.7% and 14 to 8.1% respectively. Overall, compared to 2018, the center-right coalition maintained but did not increase its support (12 million votes), which, however, rose from 37 to 44% thanks to the increase in abstention and translated into 59% of parliamentary seats thanks to an electoral law that rewards coalitions over single parties. Paradoxically, the forces opposing the center-right received more votes both in absolute terms (14 million) and percentage-wise (49%), but they lost because they did not form a coalition and fought amongst themselves. The center-right founded by Berlusconi in 1994 therefore returns to government for the fourth time (after ’94, 2001, 2008) without expanding its thirty-year electoral base.

According to the numbers, therefore, there is no shift to the right in Italian society; there is rather a shift of the center-right towards the far- right. And this shift only partly expresses an ideological shift, being due also and above all to a protest vote that rewards Fratelli d’Italia’s opposition to Mario Draghi’s government, as well as to a bet placed by the electorate on the novelty-Meloni – the same bet that for too many years in Italy has been placed on the latest leader launched on the political-media market.
Undeniable, however, is the hegemonic potential of the right, which makes its numerically modest victory appear as a resounding victory, while the left’s loss of hegemonic ambition makes its numerically slight defeat appear as a historical debacle. In brief, this is the first time in the history of the Italian Republic that the far right has won; but it is also the first time that there is neither a recognizable left nor a structured center-left. Compared to the seventies, when Italy was the political laboratory of the strongest Western left, now the situation is reversed: Italy has become, or can become, the political laboratory of the most dangerous radical right in Europe.

3. We are therefore at the apex – or perhaps, I hope, at the beginning of the end – of a long process of destructuring the left and restructuring the right that began in the early Nineties. After the collapse of the Berlin Wall, in Italy the political system of the so-called First Republic, which hinged on three major parties, the DC, the PSI, the PCI, collapsed in turn. The DC and the PSI were destroyed by judicial investigations into political corruption, the PCI changed its name and nature, abandoning both the communist and the social-democratic tradition and embracing a more neoliberal rather than liberal-democratic perspective.

In the rubble of the first Republic Silvio Berlusconi entered the field and won the election in 1994, building a center-right political coalition that included his newborn personal party called Forza Italia, the Lega Nord (Northern League) and Alleanza Nazionale. (National Alliance). It was a strange mix, made up of different political cultures, held together only by Berlusconi’s charismatic personality. Forza Italia was a business-party, evoking the structure and language of Berlusconi’s television empire and inaugurating an unprecedented form of media and aesthetic populism marked by the neoliberal ethics of pleasure, consumption and self-entrepreneurship. The Lega Nord was a regional and, originally, secessionist party, born to defend the interests of the rich and productive north by appealing to the imaginary identity of “Padania”, as the north-east of Italy had been renamed. Alleanza Nazionale was a party of order, conservative and statist, which under a new name recycled the symbol and the political class of the Movimento sociale italiano, heir, as we have seen, to Mussolini’s fascist party. Its leader at the time, however, Gianfranco Fini, agreed to pay the price of its relegitimization by condemning historical fascism as “absolute evil”, a clearer rebuke than what Giorgia Meloni is willing to concede today.

We therefore owe to Berlusconi the legitimizing of the post-fascists, if we want to see it negatively, or their inclusion in a democratic dialectic between right and left, if we want to see it positively. But many things have changed profoundly since then. Berlusconi’s hegemony over the center-right held until 2011, when he fell under the blows of sex-gate and the economic crisis. Then the political climate changed: the Berlusconi Carnival was replaced by the Lent of austerity policies imposed by the European Union. In a country hard-pressed by an acute economic, social and political crisis the alternation of center-right and center-left was replaced by the conflict between the parties aligned with the directives of Brussels and the populist movements that provided a voice to social discontent. In perpetual fibrillation, the political system twice entrusted the solution of its problems to two technocratic national-unity governments, Mario Monti’s in 2011 and Mario Draghi’s in 2021, triggering the alternation between technocracy and populism that characterizes the decade. Throughout this period, Fratelli d’Italia remained in opposition. When Mario Draghi resigned last July, Meloni was ready to reap the rewards of her consistency, and to tie up in her own way the loose ends of the thirty-year history of the Italian right.
Reading Meloni’s autobiography, Io sono Giorgia, published with great media timing a year ago, helps us understand the intertwining of the personal and the political that characterizes her rise as well as her construction as “the first woman to break through the glass ceiling”.

4. Meloni was born in 1977, the year in which the social conflict of the Italian “long Sixty-eigth” reached its peak, just before, in 1978, the terrorism of the Red Brigades took center scene with the kidnapping and assassination of the DC president Aldo Moro. Of the Seventies, therefore, Meloni has only an indirect memory, transmitted to her by her mother, a sympathizer of neo-fascist movements who raised her, while her father, who was a leftist, abandoned the family when she was still a child. Yet the ghost of the Seventies haunts her: in her speeches she frequently returns to her duty to redeem “the brothers who died on the pavement” in clashes with the “reds”. So, too, will forever haunt her the ghost of her lost father, which will play a decisive role in her choices as an adult.

In 1989, when the Berlin Wall collapsed, Giorgia was only 12 years old, but that was enough for her to remember, as an adult, the liberation of “the brothers of the East crushed by communist oppression”: another story to be redeemed. The third story comes three years later. On 19 July 1992, while the corruption investigations were demolishing the political system, the anti-mafia prosecutor Paolo Borsellino wasassassinated in Palermo, a few weeks after Giovanni Falcone. In the wake of that trauma, at the age of 15, Meloni crossed the threshold of the Fronte della Gioventù, the youth organization of the Movimento sociale italiano, and there found other brothers who needed to be rescued, this time from the position of the marginalized of the First Republic: some of them still today sit alongside her in the government.

Two years later, as we already know, Berlusconi welcomed the Movimento sociale italiano, transformed in Alleanza nazionale, into the centre-right. Meloni continued her rapid career in the Fronte della gioventù, a very different world from the Berlusconi’s glitzy and glamorous one: “it was difficult – she writes – to amalgamate our boys with those rampant young people in blue jackets and high heels”. Yet with those high heels Giorgia has long lived in the years at the turn of the century, which are not at all secondary in the bildungsroman of the “first woman who breaks the glass ceiling”.

Those are the years when, to use a Gramsci’s category, a sort of “passive revolution” aimed at domesticating women after the feminist subversion was deployed in Italy. It consisted in translating – and betraying – the political and collective freedom gained in feminism into individual and competitive (self-)promotion, through a perverse form of “valorization” of women’s qualities in the labor, consumption and sex market, as well as in the political market. A non-marginal aspect of the neoliberal (counter)revolution throughout the West, this operation found in the Italian laboratory the support of Berlusconi’s powerful media apparatus, and showed in the very person of Berlusconi both the triumph of market ethics and its symbolic implication, that is, the decline of paternal law and authority. The tragicomic mask of “Papi”, a diminutive of “father” which Berlusconi used to be called by the young escorts who gladdened his nights for a fee, condenses this two- sided change that impinges the socio-symbolic order of gender relations.

It is noteworthy that while this change was clearly visible on the center-right stage, in the center-left the hands of the clock went backwards. In the nineties, Democratic party women broke bridges with feminism and its radical project of changing the subjects and forms of politics and dusted off the old “feminine question” made onlyof discrimination, self-victimization and claiming pink quotas. Meloni capitalized on this situation in her own way. She noted that “on the left they talk a lot about equality, but it is the right that has brought out more women at the top”. But she closed both eyes to the obscene side of this neoliberal promotion of women at the top, dismissing Berlusconi’s system of exchange between sex and power as “a somewhat unscrupulous private conduct”. She internalized the neoliberal competitive ethic, which allowed her to challenge her male rivals, and took advantage of the eclipse of paternal authority to break with her political fathers.

It is 2011, “when – she writes – everything was about to end”. Meloni had been a deputy for five years, thanks to Gianfranco Fini, in 2006 she had become vice-president of the Chamber and then minister of youth in the fourth Berlusconi government. When the economic crisis and the long wave of sex-gate forced Berlusconi to resign, Giorgia saw in that government crisis the end of a world. The glittering promise of the triumphant phase of neoliberalism was replaced by a destiny of precarization, all the more bitter for the younger generations: in Italy and not only in Italy, the “entrepreneur of him/herself” who bet on the future and on futures was transformed into the owner of goods and rights in search of protection, security, values and beliefs substituted for those that the “society without fathers” no longer offered. Neoliberalism everywhere lost its joyful face and everywhere – in Europe, in the USA, in Brazil – sought and found a home in neoconservative and sovereignist ideologies.

Giorgia smelt the change of season and decided that the time had come to embark her brothers towards the promised land of the right’s redemption, with the wind in the sails of the far-right movements growing throughout Europe. She had already broken with Fini, reproaching him for “condemning the right to extinction”. Then she broke with Berlusconi as he was entering the technocratic Monti government. She saw before her “the right-wing people, lost after years of scandals and economic crisis”, ended with a farewell to her political fathers the circle of her life begun with the abandon of her biological father, and founded Fratelli d’Italia.

Italian political thinker and activist Franco Berardi Bifo commented this way on Meloni’s parable: “The psycho-cultural background of the rampant psycho-political crisis is the disintegration of the father figure and the sense of disorientation this causes in sons and daughters. But it is the daughters who know how to react to this condition, thanks to the strength that the history of feminism has given them… Instead of whining about the pink quotas, Giorgia took command of the sinking ship. She forgot her fathers and re-found patriarchy starting from the “brotherization” of women.” This is a pertinent reading, which develops my own reading, in the wake of some lacanian analysis, of Berlusconism as a theater of the crisis of the paternal order. But it needs a correction. What emerges from Meloni’s biographical-political story is not a refoundation of patriarchy, which would presuppose a solid father’s law and the exclusion of women from the transmission of male power. Rather, it is a sort of “fratriarcal” order, based on the competitive inclusion of women for reactionary purposes, within a framework of traditionalist values substituted for law. To better understand how this socio-symbolic structure works we are helped by some Meloni’s recent and public utterances.

5. You can easily find on You tube the viral video of Meloni’s rally at a gathering of the Spanish neo-Francoist party Vox in Andalusia last June, when she summed up her program in a series of YES and NO: “yes to the natural family, no to the LGBTQ lobby; yes to sexual identity, no to gender ideology; yes to the culture of life, no to the culture of death; yes to Christian values, no to Islamist violence; yes to secure borders, no to mass immigration; yes to work for our children, no to international finance; yes to the Europe of the people, no to the bureaucrats of Brussels”. To seal this eloquent manifesto of European far right’s identity, Meloni also performed a shouted show-down of her own identity, immediately arranged as a rap in social networks: “I am Giorgia. I am a woman. I’m Italian. I am a mother. I am a Christian.” Here Meloni’s cultural and political turn is clear: another passive revolution, after Berlusconi’s, which translates the feminist legacy into its opposite. If Berlusconism translated the feminist collective and political freedom into individual and competitive self-affirmation,

Meloni translates the feminist positive claim of being a woman into an identity politics that makes woman, or better mother, the pivot of a new nationalistic and reactionary order. In this order there are no possible deviations from sexual binarism and the heterosexual family, and woman, as mother and only as mother, is the means of counteracting the declining birth rate with reproduction among compatriots, which in turn is a barrier against the “ethnic replacement” and the Islamization of Europe coming from immigration.

There is no need to emphasize here the fascist ancestry of this approach. More useful, and more amusing, is to highlight two patent contradictions on which Meloni stumbles. The first is linguistics – and language, as we know, never lies. Immediately after Meloni took office as prime minister, her secretariat circulated an official note specifying that she must be addressed as “il presidente”, masculine, and not “la presidente”, feminine. The use in Italian language of grammatical feminine instead of masculine-neutral is an achievement of feminism, and Meloni’s predilection for masculine clearly shows that, despite her shouting “I am a woman”, she believes that masculine lends authority to her institutional role while feminine decreases it. Unless you want to interpret that note, as has been ironically done, as a slip of the tongue revealing a gender-fluid orientation in blatant contradiction with Meloni’s crusade against “the GLBTQ lobby”.

The second contradiction is political. Consistent with its name, Fratelli d’Italia is a mainly male party, with a leadership structure where there are only 5 women out of 24 members, and a parliamentary group where the number of women – in line with the trend of the other parties – declines compared to the previous legislature and does not cross the 30 percent threshold. As for the government led by a woman for the first time, there are only 6 women ministers out of 24, while elderly and seasoned men, resurrected from the center-right governments of the 1990s, abound.
These figures aside, women never appear in Meloni’s speeches as companions or privileged reference points for her political enterprise, nor does any reference to feminism ever appear: the “first woman” is alone in her competition with men. It is true that Meloni has been good at founding and leading a party by putting her “brothers” in line; and it

is true that she has been even better at resisting the pressures, trips and traps of her allies, Silvio Berlusconi and Matteo Salvini, who are far from willing to cede the scepter of the coalition leadership to her. However, it is equally true that “the self-made underdog”, as Meloni likes to represent herself, actually had some male guardian angels, co- founders with her of Fratelli d’Italia, who cleverly guessed that a young woman would be more attractive than them to an electorate tired of the convulsions of male politics.

All of this should shed a critical light on the “first woman to break the glass ceiling on the right instead of the left” that is running in the Italian media with the purpose of proving that feminism finds more audience on the right than on the left, that the right is more in tune with the times than the left, and that the left is out of touch with the world and history. This narrative can seduce neoliberal feminism, which identifies its main goal as the female conquest of top positions. It can serve as a leverage to the women inside the institutional left for fighting against the misogyny of their parties. But it may not convince radical feminism, whose issue is not the conquest of power but the change of politics, and whose practice is not the individual competition with men but the construction of significant relations among women. We should rather overturn this narrative asking whether what is taking place, in Italy and throughout Europe, is not a feministization but a feminization of the new rights, which are relying on women to foster regressive issues that would be rejected if proposed by alpha-men condemned by history to sunset.

6. I am going to close by returning from here to more general questions. Giorgia Meloni, who is also the leader of the European Conservatives Party in the European Parliament, has built her political rise on two polemical axes: the polemic against the European integration, in the name of a “Europe of the nations” based on the restoration of national sovereignty; and the polemic against big global finance and its European technocratic arm, in the name of an economic policy more responsive to the national interests and less dependent on external constraint. In the last months, however, in the run-up to winning the government she has modified these positions. She has concealed the extremist profile of the Vox rally as well as her support for Orbàn’s Hungarian regime, seeking to legitimize herself in the western establishment that she previously contested and aligning herself to the positions of Draghi’s government which she previously opposed.

On the economic side Meloni, now that she leads the government, knows well that she has no freedom to maneuver with respect to Brussels, given Italy’s public debt and given the energy crisis to which Europe must necessarily find unified solutions. On the foreign policy side, instead, things are more complex. The emphatic professions of Atlanticist faith made by Meloni after the Russian invasion of Ukraine are not necessarily at odds with her intention to undo the EU; indeed, her Atlanticism may strengthen ties with Washington and with strongly pro-USA and anti-Russia countries such as Poland, at the expense of ties with EU founding countries such as France and especially Germany – an eventuality not necessarily disliked by Washington.

In both economic and foreign policy, however, Meloni will have to contend with her allies: Salvini does not desist from pressing for economic measures that involve further increases in public debt, and both Salvini and Berlusconi favor opening negotiations with Putin, in a country where most of public opinion is unwilling to further approve the sending of arms and the unconditional support to Ukraine – as a big demonstration showed last Saturday in Rome.

All indications are that Meloni will aim to strengthen her international legitimacy in order to have a free hand on the illiberal policies she intends to pursue in Italy on civil rights, public order, immigration, and the control of dissent, as well as on her constitutional reform project. On the first side, the first signals from the new government are unequivocal. The first bill presented by Fdi in parliament would establish the legal personality of fetus, an old workhorse of the pro-life front. And the government’s first decree-law, issued in no time to block a rave party, is written in such a way to restrict the constitutional right to assemble and demonstrate in public places. As for the constitutional reform, it foresees an unequal regionalism that would be balanced by the direct election of the President of the Republic: in fact, the undoing of the structure of the republican state and its balance of powers.

What is being announced, therefore, is a cultural syncretism made up of hyper-Atlanticism in foreign policy, neoliberalism in economic policy, illiberal turn in domestic policy. This mixture is not and could not be a replica of historical fascism: as Foucault has taught us, after five decades of neoliberalism authoritarianism cannot reappear with the same face, the same state, the same methods as a century ago. But it is an equally if not more dangerous mixture, in which the unresolved link with the fascist past should not be underestimated, as it can bring to the right the symbolic advantage of a grounding in a nineteenth-century tradition that the left for its part has systematically demolished since 1989.
It may be that the convulsions within the right-wing coalition, the mounting economic and social crisis and Italy’s international obligations will make the Meloni experiment very short-lived. Or, on the contrary, it may be that Meloni will be able to silence her allies, quell social unease with a few populist moves, accredit her own proposal by riding the crisis of European democracies and slipping into the cracks opened by the war in Ukraine in the apparent compactness of the EU. And perhaps by waiting for Trump’s wind to blow back in her favor in the US. A century later, Italy could again become the political laboratory of a reactionary experiment with devastating effects for the old continent and perhaps for the West as a whole.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Miscela Meloni

Pubblicato su centrostudiriformastato.it il 27 ottobre 2022

Tre appunti sulla Meloneide appena conclusasi con il voto di fiducia della Camera e del Senato al nuovo Governo. Sull’effetto “prima donna”, sulla questione fascismo-antifascismo, sul programma.

1. Come il profluvio di dirette, maratone e talk televisivi dimostra, la “prima donna” è e sarà inevitabilmente oggetto dello sguardo maschile e femminile più degli uomini che l’hanno preceduta. Meloni lo sa e per due giorni si è offerta a questo sguardo generosamente, senza sottrazioni e senza complessi, avendo capito e capitalizzato, grazie alla storia del femminismo che non le appartiene ma di cui si avvale, che oggi come oggi, in tempi di crisi devastante della politica maschile, essere una donna è un vantaggio e non uno svantaggio. La prima donna ha fatto la primadonna, mettendosi al centro della scena con il suo corpo, i suoi gesti, la sua storia, la sua biografia. La rottura stilistica rispetto al linguaggio scisso della politica maschile (fatto salvo Berlusconi, che il confine fra pubblico e privato l’ha rotto da quel dì e anche ieri, in apertura della sua rentrée al Senato, con l’annuncio del suo diciassettesimo nipote) è stata evidente, ed è la sola cosa di cui rallegrarsi.

Il che non toglie che per altri versi sia proprio il linguaggio a mostrare come con il suo essere donna Meloni sia tutt’altro che pacificata. Lo dice l’uso del maschile – il presidente e non la presidente – cui si ostina ad affidare il riconoscimento del proprio ruolo, come se il femminile invece lo diminuisse. Lo dice l’uso dei nomi senza cognomi con cui rende omaggio (qualcuna deve averglielo consigliato, perché non l’aveva mai fatto prima) ad altre “prime donne” che l’hanno preceduta, ma rigettandole in una sorta di album di famiglia privato e cifrato dove riconoscerne il ruolo pubblico diventa impossibile ai più. Lo dice la dose permanente di aggressività fallica cui non rinuncia nella sua competizione ravvicinata e spericolata con gli uomini.

Quello che resta stupefacente è come tutte e tutti, donne e uomini, siano cadute/i nel trappolone della “prima donna che sfonda a destra e non a sinistra”, una narrativa che punta dritto a dimostrare che il femminismo trova ascolto più a destra che a sinistra, che la destra è più di sinistra della sinistra e che la sinistra è fuori dal mondo e dalla storia. Strano che nessuna/o provi a rovesciarla e a chiedersi come mai le destre radicali di oggi, non solo in Italia, abbiano bisogno di femminilizzarsi – cosa ben diversa dal femministizzarsi – per addolcire e rendere commestibili i loro contenuti programmatici più retrivi. Provare a sostituire la faccia di Meloni con quella già vista all’opera di Salvini o con la mimica di La Russa o con la stazza di Crosetto per credere: le reazioni sarebbero ben più ruvide di quelle oltremodo contenute che abbiamo visto in Parlamento da parte delle opposizioni.

2. Conviene riavvolgere il nastro della Meloneide guardardo la prima giornata, invece che dalle centinaia di telecamere piazzate nel palazzo, dal particolare imprevisto delle cariche della polizia sulla manifestazione antifascista della Sapienza. Arrivato puntualmente a smentire una delle solenni dichiarazioni biografico-politiche della neopremier (“vengo dai movimenti giovanili e proverò simpatia anche per chi ci contesterà in piazza”), l’episodio annuncia il clima prossimo venturo, che prevedibilmente farà largo uso dell’ordine pubblico per lanciare segnali d’ordine più generali. Ma non solo: fa saltare d’un colpo uno dei due cardini su cui Meloni e i suoi (La Russa nel giorno della sua incoronazione a presidente del Senato non era stato da meno) allestiscono la loro idea della “riconciliazione nazionale”.

I due cardini sono connessi e riguardano, neanche a dirlo, il fascismo e l’antifascismo. Sul fascismo Meloni se l’è cavata come di consueto con poco, pochissimo, annegandone i contorni specifici nella condanna dei totalitarismi novecenteschi, garantendo di non aver mai “provato simpatia per i regimi antidemocratici, fascismo compreso”, e limitandosi a esecrare le leggi razziali del 1938 invece del regime nel suo complesso. Sull’antifascismo ha fatto peggio. Ha ignorato l’antifascismo della resistenza, ovvero il fondamento della costituzione, e ha attaccato l’antifascismo militante degli anni Settanta, commemorando “i ragazzi innocenti uccisi in suo nome a colpi di chiavi inglesi” e nascondendo sotto il tappeto il filo nero delle stragi neofasciste che percorre la storia della cosiddetta Prima repubblica e che dell’antifascismo militante fu la causa e la ragione. La risposta stizzita di Meloni al senatore Scarpinato che gliel’aveva fatto notare è la controprova che Scarpinato aveva colpito nel segno: questo è il copione della riscrittura della storia e dell’offerta di “riconciliazione nazionale” della destra postfascista. Si può esserne felici e contenti, come certa stampa liberale italiana che da anni accompagna e promuove questo revisionismo in nome e per conto della “normalizzazione democratica” di una “destra conservatrice” ripulita delle sue origini. Ma non ci si può meravigliare se poi contro questa rimozione del fascismo storico e del neofascismo della Prima repubblica l’antifascismo militante rispunta alla Sapienza o altrove.

3. Fin qui l’identità delle origini del melonismo. Sulla quale si innesta una miscela di neoliberalismo e sovranismo solo in apparenza contraddittoria, il sovranismo essendo in tutto il mondo una sorta di evoluzione perversa della weltanschauung neoliberale dissipativa, globalista e gaudente nel suo contrario rancoroso, nazionalista e suprematista. Sì che Meloni è neoliberale quando parla di merito e di capitale umano, di libertà di circolazione del contante, di “non disturbare chi vuole fare” cioè l’impresa; è sovranista quando evoca a ripetizione la nazione e le magnifiche sorti delle bellezze italiche, quando invoca il blocco dei migranti e la procreazione fra conterranei come antidoto al calo della natalità, quando vagheggia l’Europa “dei popoli e delle diversità” contro quella dei banchieri e dei burocrati; o quando con un eloquente lapsus riserva il “tu” a Abubakar Soumahoro, l’alieno nero piovuto dai campi nel parlamento dei bianchi; o quando parla di se stessa come l’underdog che ricorda tanto, è stato notato, i forgotten di Trump – salvo poi promettere la guerra ai poveri sul reddito di cittadinanza. Ed è infine schiettamente reazionaria, destra d’ordine doc, quando parla di carcere ostativo, quando (non) parla del reato di tortura che FdI vuole abolire, quando nomina le differenze come devianze, quando vaneggia di città insicure da consegnare alla vigilanza delle forze dell’ordine.

Questa miscela può essere esplosiva. Paradossalmente la doppia emergenza della guerra e della crisi energetica è, per ora, l’ancora di salvezza del nuovo Governo, perché lì la strada dell’atlantismo e del vincolo europeo è rigidamente tracciata dai poteri nazionali e internazionali senza la cui benedizione la “prima donna” non sarebbe dov’è. Solo per ora però, perché le differenze interne alla sua coalizione in materia di politica estera (né Berlusconi né la Lega hanno rinunciato a distinguersi dalla premier sulle prospettive della guerra in Ucraina) e di politica economica sono anch’esse potenzialmente esplosive. L’unico terreno su cui nel frattempo Meloni potrà consolidare l’identità della “destra conservatrice” è quello tradizionalissimo di una svolta d’ordine. Non saranno mesi facili. Tanto meno senza un’opposizione politica all’altezza della situazione.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Vertigini della storia

Pubblicato su internazionale.it /l’Essenziale il 13 ottobre 2022

È sempre con la sua proverbiale ironia, più o meno dolce più o meno amara, che la storia ci mette lo zampino. Un’ironia amara ha voluto che toccasse a Liliana Segre, testimone vivente di Auschwitz, passare il testimone della seconda carica dello stato, quella che in caso di necessità assume le funzioni di garante della costituzione proprie del presidente della repubblica, a un signore che di primo nome fa Ignazio e di secondo Benito, che di essere definito fascista si è detto più volte onorato e di non essere antifascista si è più volte fatto vanto, che negli anni settanta a Milano era noto come “il camerata la rissa”, che il braccio destro l’ha alzato con arroganza in pubblico più di una volta. Senza il conforto di tutti i voti di Forza Italia e con il soccorso di una ventina di voti dell’opposizione, tanto per non smentire che la commedia all’italiana è sempre la commedia all’italiana, Ignazio La Russa è il nuovo presidente del senato. Si insedia con un discorso pieno di astuzie e lungo venticinque minuti, tre in più dei ventidue impiegati da Liliana Segre prima di ricevere una standing ovation molto calda dalla parte sinistra dell’emiciclo, molto tiepida dalla parte destra.

Due discorsi che sono due programmi. I commentatori liberali, gli stessi che da mesi sono impegnati in un’opera alacre di legittimazione preventiva del non ancora nato governo Meloni, si affannano a sommarli come fossero un solo, il programma della riunificazione e della pacificazione nazionale. Ma si sbagliano: l’una, Segre, e l’altro, La Russa, ciascuno a suo modo ed entrambi pur ligi al galateo che vuole le istituzioni al di sopra delle parti, tracciano di nuovo la linea del conflitto fra due modi di intendere la repubblica, la costituzione, la comunità nazionale.

Da quell’ironia della storia che la mette nel posto giusto al momento sbagliato Segre non si fa imbrigliare. La esplicita, nominando la “circostanza casuale” della coincidenza fra la sua funzione temporanea (e la nascita di una maggioranza a guida postfascista, anche se questo invece resta implicito) e il centenario della marcia su Roma. Prende dalla sua biografia personale il ricordo delle leggi razziste e della deportazione, che suona evidentemente come un severo memento politico al nuovo parlamento.

Poi snocciola una a una le condizioni di una unità repubblicana fondata su “un nucleo essenziale di valori condivisi, di istituzioni rispettate, di emblemi riconosciuti”, e sono tutte condizioni che alla destra vincente fanno venire l’allergia: l’ancoraggio alla costituzione, “testamento di centomila caduti nella lotta per la libertà” che non inizia nel 1943 ma con l’omicidio di Matteotti; la necessità di attuarla, soprattutto nel principio di uguaglianza, invece di farsi prendere dal prurito di modificarla; la celebrazione convinta e non rituale delle ricorrenze “scolpite nel grande libro della storia patria”, il 25 aprile che la destra non ha mai voluto onorare, il 1 maggio, il 2 giugno.

L’ultima freccia è contro il linguaggio dell’odio e della discriminazione, e anche questa, per quanto abbia una destinazione trasversale, colpisce di più nel campo in cui le diversità si chiamano devianze. Morale: in democrazia le urne sono sovrane e il loro responso va accettato, ma la democrazia costituzionale italiana ha una genealogia e un tracciato precisi che vanno rispettati e rinnovati. Segre ha l’autorità e si prende la libertà di dirlo senza troppi complimenti e senza peli sulla lingua.

Il presidente del senato ancora in pectore le ha portato in omaggio dei fiori bianchi, ma la ascolta con disappunto evidente. E mente sapendo di mentire quando, una volta investito della carica, premette che “non c’è una parola di Segre che non abbia meritato il mio plauso”, comprese quelle sul calendario civile delle ricorrenze condivise. Per i postfascisti è l’ora della ricerca della legittimazione, ideologica prima che politica. La Russa è scaltro, sa come si fa: ora che hanno vinto, possono professare unità per ribadire e finalmente imporre la loro versione della storia patria.

Dunque il neopresidente premette il dovuto rispetto per le istituzioni e per la terzietà del ruolo che lo attende, ma rivendica tutto intero il suo percorso militante di parte. Sostituisce ai centomila morti della resistenza i caduti “in divisa” nelle missioni italiane cosiddette di pace. Omaggia Dalla Chiesa, Falcone, Borsellino. Della costituzione dice che invece va riformata, promettendo l’ennesima bicamerale o l’impossibile assemblea costituente che il centrodestra vagheggia da trent’anni.

Poi arriva l’affondo sugli anni settanta, perché la lingua batte dove il dente duole e fra i postfascisti è quello il dente che duole: “I momenti duri, durissimi, della contestazione, della violenza, della resistenza al terrorismo”. Mica quelli delle stragi di destra e di stato, no: quelli “dei tanti ragazzi, di ogni colore politico, che hanno perso la vita solo perché credevano in degli ideali”. Sergio Ramelli, “ma anche” Fausto e Iaio. Neri o rossi per lui pari sono e per ora basta ottenere questo, la parificazione degli opposti estremismi sotto la voce “violenza”. È quello che Giorgia Meloni chiama “il riscatto dei fratelli caduti” e tenuti ai margini della storia nazionale da quella discriminante antifascista che oggi la destra vincente può considerare finalmente abbattuta.

E che del resto vacilla non oggi. Maldestramente e del tutto arbitrariamente La Russa cita Sandro Pertini per glorificare la propria capacità di lottare, in gioventù, dalla parte perdente della storia, “senza paura ma anche senza speranza”. Più appropriata, astuta e ahinoi inattaccabile la citazione finale che riserva al discorso di insediamento alla presidenza della camera di Luciano Violante. “Non ho bisogno di ripetere per intero le sue parole, ma solo la parte che spero sia più condivisibile da tutti”, quella in cui Violante perorava il comune riconoscimento di tutte le parti politiche, sia pure con le loro distinzioni e contrapposizioni, “in un sistema comunemente condiviso”. Correva l’anno di grazia 1996. Nella parte che La Russa evita astutamente di citare, Violante parificava i combattenti della resistenza ai ragazzi di Salò. Due anni prima Berlusconi aveva sdoganato i postfascisti accogliendoli nel Polo delle libertà, e il partito erede del Pci pensò bene di non essere da meno.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Per chi brucia quella fiamma

Pubblicato su internazionale.it/l’Essenziale il 26 settembre 2022

Gli occhi dell’altro sono spesso più veritieri dei propri. Colpisce, per tutta la lunga notte dei risultati elettorali, lo scarto fra come ci guardano dall’estero e come ci guardiamo noi. Gli altri, al di qua e al di là dell’Atlantico, puntano il dito sulla luna: per la prima volta in Italia vince un partito postfascista, per la prima volta spetterà a una donna mettersi a capo di un governo. Da noi si preferisce guardare il dito, normalizzando il risultato con la conta delle percentuali e dei seggi e glissando sul postfascismo, decretato dalla stampa liberale argomento obsoleto. Quanto alla “prima donna” l’attenzione è già tutta puntata sulla reazione dei maschi, i suoi alleati in primo luogo che in superficie festeggiano ma di certo in cuor loro non gradiscono lo smacco.

Gli storici del futuro saranno più precisi. Scriveranno che nel centesimo anniversario della marcia su Roma, e mentre nel cuore dell’Europa infuria una guerra che fa implodere definitivamente il campo ex comunista novecentesco, in Italia un partito con la fiamma tricolore nel simbolo vince le elezioni e va – legittimamente, come del resto il fascismo storico e il nazismo – al potere. Questo, alla fin fine, è il fatto, e i fatti storici sono sempre un misto di ripetizione del e differenza dal passato. No, non si annuncia un ritorno di fascismo-regime. Però sì, i sovranismi di oggi riciclano molti e sostanziali ingredienti del fascismo di ieri. L’Italia non ridiventa fascista, ma certo la discriminante antifascista, fondamento valoriale e politico della repubblica nata dalla resistenza, vacilla. Drammatizzare questo fatto con gli occhi rivolti al passato è presbite, minimizzarlo è miope. Metterlo a fuoco nelle sue cause e nei suoi effetti, interni e internazionali, in un sistema politico come quello italiano che da trent’anni non trova pace, sarebbe il primo nodo da sciogliere.

Il fatto accade, in primo luogo, in costanza di un tasso di astensione del 36 per cento, il più alto alle elezioni politiche della storia della repubblica, che al sud raggiunge picchi del 50 per cento. Significa che un terzo dell’elettorato e metà di un terzo del paese, vuoi per disinteresse, per disperazione o per protesta, al rito elettorale non crede più. La politica-spettacolo scivola sempre più, è stato efficacemente detto, in uno spettacolo senza pubblico. Dove il richiamo al fascismo o alla discriminante antifascista suona più o meno come la citazione di un geroglifico in una classe di marziani, e ben di più conta la consuetudine ormai inerziale a votare per l’ultimo prodotto disponibile e pubblicizzato sul mercato politico, della serie “proviamo anche con lei, non si sa mai”.

In secondo luogo. Meloni vince, con un balzo che dal 4 per cento del 2018 la porta al 26,5 per cento di oggi; ma non stravince, e cresce soprattutto a scapito dei suoi alleati (rispetto al 2018 la Lega crolla dal 17 all’8,8 per cento, Forza Italia dal 14 all’8). L’agognata maggioranza assoluta necessaria al centrodestra per farsi in casa il presidenzialismo “madre di tutte le riforme” non c’è. Quella per governare sì, anche se è tutto da vedere se e quanto reggerà alla prova della ferita narcisista di due maschi alfa come Salvini e Berlusconi messi in riga da una donna. Tanto più che con il suo 8 per cento la neonata formazione centrista di Calenda e Renzi manca di un soffio il sorpasso di Forza Italia, ma diventa pur sempre una tentazione a portata di mano per un eventuale sganciamento di Berlusconi dai suoi alleati euroscettici. Se a questo si sommano le divergenze interne alla coalizione sulla politica economica e la prevedibile resa dei conti interna alla Lega, i destini del futuro governo a guida meloniana sono più incerti di quanto appaia fulgida l’egemonia della destra sulla società italiana.

Che è pari all’annunciata implosione del campo opposto, dove la sconfitta politica e culturale è perfino più eclatante di quella numerica. Sono note le responsabilità del segretario del Partito democratico nella conduzione del gioco. A vanificare il ruolo di partito-guida del centrosinistra che il Pd si era sempre attribuito hanno contribuito la rottura isterica con Conte reo di lesa maestà nei confronti di Draghi, le oscillazioni fra la costruzione di un fronte antifascista (ma senza i cinquestelle) o di un’alleanza programmatica (con Calenda, poi sottrattosi), lo spostamento tardivo verso contenuti di politica sociale in contrasto con l’ossequio precedente all’agenda Draghi. E sopra tutto questo, la sottovalutazione delle trappole di una legge elettorale ai limiti dell’incostituzionalità, fatta apposta per premiare l’unità e punire le divisioni.

Disorientamento senza precedenti

Come sempre in questi casi, tuttavia, serve a poco o nulla la crocifissione del leader di turno, che peraltro ha già annunciato la sua intenzione di cedere il passo di qui a poco (magari a una donna, perché a sinistra si ricorre alle donne solo quando ci sono cocci da incollare e non quando la partita si può vincere). Con ogni evidenza il problema non è Letta o solo Letta, bensì la natura irreparabilmente contraddittoria e irriformabile di un partito geneticamente sospeso fra (abiura della) sinistra e adesione al credo neoliberale, attaccato alla funzione di governo e di “perno del sistema” come uniche ragion d’essere, e diventato di recente il garante di un atlantismo acritico a trazione anglo-americana dopo essere stato per decenni il garante di un europeismo acritico a trazione tedesca. Né le colpe della desertificazione di oggi vanno messe solo sul conto del Pd. La sinistra radicale non ha dato prova migliore di sé, con la decisione di Sinistra italiana di tornare a stringere con il Pd un’alleanza non poco innaturale date le diverse posizioni di partenza sulla guerra in Ucraina, e con l’ennesimo scacco matto dell’area aggregatasi in Unione popolare.

Il risultato è stato un disorientamento senza precedenti dell’elettorato di sinistra, che in parte – e magari obtorto collo – ha trovato nei cinquestelle un argine a cui affidare due messaggi in bottiglia: l’urgenza di ritrovare, a sinistra, un radicamento nei ceti popolari, e l’urgenza di calmierare l’atlantismo con qualche domanda più che legittima sulle prospettive politiche e geopolitiche della guerra in corso. Il partito di Conte se ne è giovato, ma che sia stato effettivamente la carta giusta su cui puntare per questa duplice scommessa è tutto da vedere, al di là dell’abilità che il suo leader ha dimostrato nello smentire con un 15 per cento (pur sempre la metà rispetto dell’exploit del 2018) i pronostici che davano per morto il movimento pentastellato. La vicenda non è comunque liquidabile con la diagnosi imperante di un successo dovuto, soprattutto nel sud, a un assistenzialismo incentrato sulla sola difesa del reddito di cittadinanza. Nel recupero elettorale ha contato la popolarità guadagnata da Conte nella prima fase del governo della pandemia, evidentemente non del tutto soppiantata dalla mitografia agiografica del successivo governo di Mario Draghi.

Il che vorrà pure dire qualcosa che l’informazione mainstream non vuole sentirsi dire, intenta com’era stata, all’epoca dell’insediamento del governo Draghi, a festeggiare l’archiviazione per via tecnocratica dei populismi. Il voto di domenica dice l’esatto contrario, confermando la regola per cui tecnocrazia e populismo si alimentano a vicenda l’una essendo l’altra faccia dell’altro. Certo, qualcosa di sostanziale è cambiato dal 2013: allora la fine del governo tecnico di Mario Monti scatenò il populismo “né di destra né di sinistra” di un movimento informe come il Movimento 5 stelle di Grillo e quello di destra della Lega xenofobica di Matteo Salvini; oggi la fine del governo Draghi premia un partito d’opposizione di destra come quello di Giorgia Meloni e un movimento diventato partito come quello di Conte, ricollocato a sinistra e passato all’opposizione dopo una lunga (e bifronte) esperienza di governo.

In un certo senso il quadro è più chiaro, così come ovunque nel mondo si va chiarendo la destinazione divaricante dei populismi, o verso il sovranismo tradizionalista di destra o verso un’iniezione di vocazione popolare perduta nella sinistra. Ma l’alternanza di tecnocrazia e populismo si conferma come la spia più evidente, e tuttora accesa, della crisi verticale della democrazia rappresentativa italiana. Anche le crisi più estenuate, però, a un certo punto si chiudono. Difficile scommettere che dalla propria sconfitta una sinistra parlamentare possa trarre le energie per una qualche palingenesi. Più facile prevedere che la via d’uscita si profili nello scontro fra la stretta d’ordine che la destra di governo tenterà di imprimere a un paese sull’orlo del collasso e il conflitto sociale che ne scaturirà. ⬤

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

25 settembre, il rimosso e gli spettri

Pubblicato su centrostudiriformastato.it il 22 settembre 2022

L’“operazione militare speciale” della Russia in Ucraina è infine diventata ufficialmente e a tutti gli effetti, con il discorso di Putin del 21 settembre, una guerra dichiarata non solo contro l’Ucraina ma contro l’Occidente. Un esito inscritto nell’inizio (e neanche tanto implicitamente: si rilegga il discorso di Putin del 23 febbraio scorso), ma accelerato, più che dalla recente controffensiva ucraina, dalla dissennata strategia con cui il fronte atlantista ha reagito alla follia di Putin alimentandola con la gara al rialzo delle armi e con la guerra per procura invece di cercare di disinnescarla con una qualche iniziativa politica di pace. Lo spettro del ricorso all’arma finale, evocato da Putin come ipotesi realistica, si installa nell’immaginario geopolitico globale. Ma non è l’unico. C’è quello di una guerra di trincea lunga e forse interminabile, con un numero incalcolabile di perdite su entrambi i fronti. C’è quello, già materializzatosi, di un’Europa azzoppata economicamente dagli effetti-boomerang delle sanzioni contro Mosca e dalla ritorsione russa sulle forniture di gas, e divisa politicamente, in prospettiva, dalle reazioni sociali, prevedibilmente diverse da paese a paese, alla crisi energetica e all’inflazione montanti. E c’è quello della Federazione russa sull’orlo di una disintegrazione possibile sotto i colpi dei nazionalisti delusi dalla prova di forza fallimentare di Putin, e di un’implosione di regime altrettanto possibile sotto i colpi della diserzione e della fuga di massa dalla “mobilitazione parziale”.

Il salto di scala militare è immediatamente salto di scala politico e geopolitico. E si spera che il terrore per il famigerato bottone nucleare faccia finalmente il miracolo di mettere in testa a una classe priva di senso della storia che la guerra in Ucraina non è una guerra regionale in cui basta schierarsi dalla parte dei valori democratici perché il cattivo perda e tutto torni al posto suo: è una guerra destituente e costituente dell’ordine mondiale, dopo la quale, e comunque vada a finire, al posto suo non tornerà niente. Questione epocale, sulla quale non una sola parola è stato possibile ascoltare nella ridondanza mediatica e comunicativa della campagna elettorale italiana. Dove la guerra ha giocato un ruolo sorprendentemente bifronte.

Per un verso, l’allineamento iper-atlantista è stato l’elemento ordinatore, ma non dichiarato, della crisi di governo (la scissione dell’affidabile Di Maio e l’emarginazione dell’inaffidabile Conte dalla maggioranza di governo), della strategia delle alleanze (l’espulsione del M5S dal “campo largo” di Letta), della legittimazione nazionale e internazionale della probabile vincitrice (la professione di fede atlantista di Meloni, più forte di ogni sospetto di filo-fascismo, di ogni dichiarazione di anti-antifascismo, nonché di ogni prova provata di anti-europeismo). Per l’altro verso, troppo occupata a misurarsi i gradi di atlantismo e di anti-putinismo, l’intera classe politica si è esentata dall’abbozzare una qualche risposta a domande ineludibili come le seguenti: qual è la posta in gioco reale di questa guerra? Qual è l’obiettivo politico, non solo valoriale, dell’appoggio italiano e europeo incondizionato all’Ucraina? Qual è quello della guerra per procura contro Putin? Una qualche negoziazione futura o il crollo del suo regime? La tenuta o la disintegrazione nazionalista della Federazione russa? E quali sono gli effetti non solo economici – bollette e inflazione o peggio, stagflazione – ma politici della guerra e del suo esito sugli equilibri dell’Unione europea?

Lo stesso ulteriore spettro che si aggira in Europa, quello di un rigurgito, se non di fascismo inteso come regime, di forze politiche che alla tradizione fascista si ispirano o non ne prendono congedo definitivamente, ha a che fare con l’interminabile fine degli assetti ideologici e geopolitici novecenteschi che si sta consumando nella guerra in corso. Giorgia Meloni ne è perfettamente consapevole, quando nella sua autobiografia, ancorché pubblicata prima dell’invasione russa dell’Ucraina, connette il riscatto finalmente possibile della destra italiana ed europea, nonché la fine della discriminante antifascista posta a fondamento della Costituzione italiana, alla decomposizione dell’ex blocco socialista iniziata nell’89-’91. E del resto sappiamo bene, o dovremmo, come gran parte delle spinte neo-nazionaliste o sovraniste che non da oggi minacciano l’Unione europea, compreso il sovranismo imperiale di Putin o quello illiberale di Orbàn, provengano proprio da quella decomposizione, che oggi arriva a lambire perfino un paese come la Svezia, storico bastione di una inossidabile socialdemocrazia neutrale convertitosi al militarismo della Nato e investito dall’onda sovranista di un partito con origini neonaziste come SD. Senonché questa – o un’altra – visione dei processi di lungo periodo che stanno sullo sfondo della catastrofe attuale manca interamente nel discorso del Pd, che si guarda bene dal mettere in discussione la sua narrativa trionfale dell’89 e seguenti e dal vedere più in là della crociata contro l’autocrate di turno, e scarseggia anche nella frammentata sinistra radicale e pacifista, che pure si è espressa contro l’invio delle armi in Ucraina, l’ingresso della Svezia e della Finlandia nella Nato e lo schiacciamento dell’Europa sulla strategia angloamericana. Non si tratta solo di differenze cruciali di posizionamento in politica estera, sono questioni che investono in pieno l’identità e le radici novecentesche della sinistra italiana (ed europea). Che se ne discuta poco o niente è la prima causa di disorientamento che conduce pezzi consistenti del suo elettorato di sinistra a non partecipare al gioco elettorale, o a parteciparvi tradendola.

C’è un ultimo spettro che va menzionato, ed è quello della pandemia. Quelle del 25 settembre sono le prime elezioni generali che si tengono dopo il più forte e inedito trauma che si è impresso, letteralmente, sul corpo, sulla pelle e sull’apparato sensoriale del paese. L’invasione di un microorganismo sconosciuto capace di mettere sotto scacco il primato della specie umana sulle altre, il confinamento e la desocializzazione forzata, la digitalizzazione delle relazioni sociali, i morti in solitudine senza rito della sepoltura, le città svuotate avvolte da un silenzio metafisico, gli esiti nefasti dell’erosione neoliberale del sistema sanitario nazionale, l’importanza cruciale del lavoro degli essential e delle reti di solidarietà, la presa d’atto della comune vulnerabilità, l’urgenza di costruire una società della cura e di mutare radicalmente la concezione antropocentrica della vita del pianeta. Era solo poco più di due anni fa, eppure anche tutto questo è caduto nella rimozione ed è scomparso dal discorso politico pre-elettorale, che pure avrebbe potuto e dovuto giovarsene, soprattutto a sinistra, se la sinistra avesse ancora a che fare con l’immaginazione politica di un cambiamento dello stato delle cose.

Sono rimozioni che si pagano, e non solo perché lo spettro “variante” del virus è sempre lì in agguato. Ma perché quando si separa così nettamente dall’esperienza comune, la politica svanisce. Diventa essa stessa spettrale, seppure apparentemente incarnata da leader onnipresenti che saltellano da un talk all’altro o da un socialnetwork all’altro. Ridarle materialità, al di qua e al di là delle pur determinanti e discriminanti maggioranze di governo che usciranno dalle urne, è il compito improcrastinabile che la probabile deriva verso il peggio ci impedirà di eludere.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La nave distopica di Giorgia e i suoi fratelli

Pubblicato su internazionale.it-l’essenziale il 26 agosto 2022

Conosco molte femministe che non prendono neanche in considerazione l’ipotesi di votare per Giorgia Meloni, a causa delle sue idee e nonostante sia una donna. Non ne conosco nessuna intenzionata a votarla in quanto donna e nonostante le sue idee. Sarà pure un sondaggio personale e limitato, ma magari fornisce una piccola bussola per orientarsi nel dibattito assai confuso e non poco strumentale che sta montando sul tema e che, come sempre quando si discute di femminismo e politica, ha come principale obiettivo la spettralizzazione e la colpevolizzazione del femminismo.

Per spettralizzazione intendo la pessima abitudine di parlare del femminismo approssimativamente, senza riguardo per la sua storia, le sue articolazioni interne, le sue trasformazioni maturate nel susseguirsi delle stagioni politiche; e quindi facendone una galassia confusa che riparte ogni volta dal grado zero su ogni questione. La colpevolizzazione ne consegue: così rappresentato, il femminismo si può sempre cogliere in castagna per qualche cosa.

Esempi. Non è vero che “il femminismo” abbia mai fatto proprio lo slogan di “una donna” presidente del consiglio, o della repubblica o in altri ruoli apicali, lanciato a più riprese da pezzi di opinione pubblica femminile progressista. Il femminismo radicale l’ha anzi contestato vibratamente, l’ultima volta durante l’elezione del presidente della repubblica: primo perché “una donna” senza un nome e un cognome non esiste, secondo perché “una donna” senza ancoraggio nella politica delle donne non è una garanzia per nessuna, terzo perché il problema, per il femminismo radicale, non è mai stato quello di espugnare o di spartire i vertici della politica maschile, ma di cambiarla.

Secondo esempio. Non è di oggi l’illusione, di recente rilanciata da una petizione promossa da Marina Terragni e contestata da Natalia Aspesi, che tra donne si possa creare un fronte unitario, basato su istanze condivise e trasversale alle appartenenze politiche. E non è di oggi neanche la disillusione, perché se ognuna è in primo luogo una donna nessuna è soltanto una donna e le appartenenze, politiche nonché sociali e culturali, contano, così come contano le differenze e i conflitti interni al femminismo su temi importanti che tanto condivisi non sono, e che alla faccia del trasversalismo portano acqua al mulino di certe forze politiche e non di altre: se della maternità o della gestazione per altri si parla negli stessi termini di Giorgia Meloni se ne avvantaggerà Giorgia Meloni, bisogna saperlo e magari anche avere la schiettezza di dirlo.

Terzo e ultimo esempio. Non è nemmeno di oggi, né di ieri l’altro, la scoperta che nel centrodestra la promozione di alcune donne in ruoli di rilievo è meno infrequente che nel centrosinistra: tema e svolgimento risalgono nientemeno che all’elezione alla presidenza della camera di Irene Pivetti, nell’ormai lontano 1994. Già allora era chiaro – molto se ne discusse, e molto si trarrebbe di utile per l’oggi rileggendo quella discussione – che nel campo berlusconiano si faceva avanti un protagonismo competitivo femminile, aiutato dalla cooptazione maschile, che spiazzava un centrosinistra dove il secondo sesso restava immancabilmente tale. Trent’anni dopo, la resistibile ascesa di Giorgia Meloni a candidata presidente del consiglio ci rimette di fronte alla stessa evidenza, accentuandola.

È un po’ poco però cavarsela contrapponendo al curriculum di Meloni quello di Elly Schlein e continuare a prendersela con l’incapacità dei leader del Partito democratico di cedere il passo al gentil sesso: forse c’è sotto un difetto d’analisi più sostanziale, nonché una granitica incapacità delle donne del centrosinistra di metterlo a fuoco e correggerlo. Né si può all’inverso continuare a invocare la separazione dei destini del femminismo da quelli della sinistra: quel taglio è stato fatto una volta per tutte dal femminismo della differenza negli anni settanta, e non mi pare che qualcuna l’abbia mai revocato per occuparsi della “salvezza della sinistra”.

Temo dunque che rivangare questo tipo di questioni serva a poco per mettere a fuoco “l’elefante nella stanza”, come l’ha definito Giorgia Serughetti, ovvero il fatto che la prima donna candidata a guidare il governo in Italia sia una leader quarantacinquenne della destra radicale che con la politica delle donne non ha niente a che fare. Proporrei piuttosto di capovolgere il cannocchiale, e provare a capire non come noi la guardiamo ma come lei guarda noi, la storia d’Italia e il presente che abitiamo.

Lo spettro degli anni settanta

Come per uno scherzo del destino, Giorgia Meloni nasce nel 1977, l’anno apicale dei famigerati anni settanta, quello in cui si consuma il divorzio mai più ricomposto tra la cultura della sinistra storica e quelle dei movimenti giovanili e del femminismo. Nella sua autobiografia, Io sono Giorgia, a quella data non dà tuttavia particolare rilievo, mentre del decennio restituisce, attraverso la memoria della madre che all’epoca era una simpatizzante dell’estrema destra, un quadro tutto sommato più veritiero del ritornante scongiuro mainstream sugli anni di piombo: erano anni, scrive, “animati da un impeto giovanile presto dirottato da un potere cinico e spietato nella logica degli opposti estremismi”, ma mossi anche “da una insaziabile voglia di cambiare tutto, condividere tutto, discutere tutto, che ti viene quasi da invidiare in quest’epoca di vuoto a perdere”.

Quella memoria indiretta si installerà in lei come un’impronta decisiva: è da lì che nasce la missione di riscattare i suoi fratelli della destra neofascista, la parte perdente del conflitto di quella stagione, dal destino di marginalità cui erano stati consegnati. Del femminismo degli anni settanta, invece, Giorgia non ha memoria politica e non fa menzione; ne reca tuttavia una traccia inconscia e privatizzata, nel rapporto di gratitudine verso la madre (“le devo tutto, a cominciare dalla vita”) e nell’amicizia tenace con alcune collaboratrici irrinunciabili. Se aggiungiamo il tassello come vedremo cruciale dell’assenza del padre che l’abbandona da piccola, in questo quadro di partenza c’è già in nuce tutto il seguito della vicenda.

Ancora due date prima di entrare nelle scelte politiche da adulta. Nel 1989, quando cade il muro di Berlino, Giorgia ha dodici anni; pochi, ma le bastano per annotare, da grande, che “per il nostro mondo fu festa grande. Nei decenni in cui tutti avevano fatto finta di non vedere, o persino esaltato quel modello come il Pci, la destra non aveva dimenticato i fratelli dell’Est Europa schiacciati dall’oppressione comunista”: ecco degli altri fratelli da salvare. Tre anni ancora e Giorgia trova quelli con cui avviare l’impresa. È il 19 luglio 1992, Paolo Borsellino viene crivellato sotto casa di sua madre, cinquantasei giorni dopo che Giovanni Falcone era saltato in aria a Capaci.

Per la generazione cresciuta dopo gli anni settanta, quelle due stragi hanno lo stesso effetto che per la precedente aveva avuto piazza Fontana: sono la scoperta che nello stato italiano c’è del marcio come nella Danimarca di Amleto, tanto più che si sovrappongono alla scoperta di Tangentopoli che mette sotto processo tutto il sistema politico. Giorgia infila il portone blindato della sezione del Fronte della gioventù della Garbatella e trova lì casa e famiglia, convinta e confortata dalla estraneità del Movimento sociale italiano ai fasti e ai nefasti della cosiddetta prima repubblica: altri fratelli da riscattare dal ruolo dei perdenti della storia.

All’ombra di Papi

A tirarli fuori da quel ruolo ci sta pensando intanto, con mezzi ben più potenti, anche Silvio Berlusconi, che due anni dopo scenderà in campo sdoganando il Movimento sociale italiano e accogliendolo, col rinnovato nome di Alleanza nazionale, nel Polo delle libertà. Curiosamente, però, dell’avventura all’interno della coalizione berlusconiana Meloni nel suo libro tace, limitandosi a raccontare solo la sua strenua militanza e la sua rapida carriera nel retrobottega delle organizzazioni giovanili di An: ne parlerà solo ex post, al momento della rottura con Berlusconi, ricordando come sia stato difficile per lei accettare, nel 2008, la confluenza di An nel Popolo della libertà e “amalgamare i nostri ragazzi con quei giovani rampanti in giacca blu e tacchi alti”. Pure, con quei tacchi alti Giorgia è a lungo convissuta negli anni a cavallo del cambio di secolo, che sono tutt’altro che secondari nel suo romanzo di formazione.

Sono gli anni in cui, sotto la regia televisiva e politica del Cavaliere, si dispiega quella sorta di rivoluzione passiva che ha come obiettivo privilegiato il riaddomesticamento delle donne dopo la sovversione degli anni settanta, e che consiste nella traduzione della libertà politica e collettiva guadagnata nel femminismo in (auto)promozione individuale e competitiva, attraverso una forma perversa di “valorizzazione” del femminile nel mercato del lavoro, del consumo e del sesso, nonché nel mercato politico. Aspetto non marginale della (contro)rivoluzione neoliberale in tutto l’occidente, questa operazione mostra nel laboratorio italiano anche il suo presupposto simbolico, ovvero quel declino della legge del padre che è il risvolto del trionfo dell’etica del mercato: la maschera tragicomica di Papi condensa in sé questi due lati di un cambiamento che investe in pieno l’ordine simbolico e sociale del rapporto tra i sessi.

Ma mentre tutto questo si mostra plasticamente nel teatro politico del centrodestra, e mentre il femminismo radicale, dal canto suo, diagnostica la fine dell’ordine patriarcale avvertendo che non si tratterà di un pranzo di gala, sul fronte del centrosinistra le lancette del tempo vanno a ritroso. Finito nel dimenticatoio lo slogan “dalle donne la forza delle donne” che nei tardi anni ottanta aveva tentato di ibridare la cultura dell’allora Pci con le pratiche femministe, nel Pds-Ds-Pd rispunta, sotto la verniciatura della “questione di genere”, la vecchia “questione femminile” fatta solo di discriminazione, auto-vittimizzazione e rivendicazione di quote rosa e ruoli di potere.

Meloni – che, lo sottolinea, discriminata non si è mai sentita – si accorge di questa asimmetria tra i due campi e la interpreta e la capitalizza a modo suo. Annota che “a sinistra parlano tanto di parità, ma in fondo pensano che la presenza femminile in politica debba essere una concessione maschile”, mentre “è la destra ad aver fatto emergere più donne al vertice”. Ma chiude tutti e due gli occhi di fronte al lato osceno di questa valorizzazione delle donne: in parlamento vota senza battere ciglio sulla nipote di Mubarak, e nel suo libro liquida il sistema berlusconiano di scambio tra sesso e potere come “una condotta privata francamente un po’ spregiudicata”.

Prove di fratriarcato


Eppure del berlusconismo, dalla cui superficie glamour ci tiene a prendere spesso le distanze, Meloni interiorizza i due aspetti profondi che abbiamo già menzionati: l’etica competitiva, che le consente di sfidare gli uomini, e il declino dell’ordine paterno, che fa da sfondo al momento cruciale della sua ascesa politica. Siamo nel 2011, “quando tutto stava per finire”. Giorgia è deputata da cinque anni, grazie a Gianfranco Fini è diventata vicepresidente della camera dal 2006 al 2008 e poi ministra della gioventù nel quarto governo Berlusconi. Quando lo spread, nonché l’onda lunga del sexgate, costringe Berlusconi a dimettersi non c’è solo una crisi di governo ma la fine di un mondo. All’imperativo del godimento subentra la disciplina del debito, al carnevale berlusconiano la quaresima di Mario Monti, alle promesse scintillanti della fase trionfale del neoliberalismo l’austerità e un destino di precarizzazione tanto più amaro per le giovani generazioni: l’imprenditore di se stesso che scommetteva sul futuro e sui futures si trasforma nel proprietario di beni e di diritti in cerca di protezione, sicurezza, valori e credenze sostitutivi di quelli che la “società senza padri” non offre più. Il neoliberalismo perde ovunque la sua faccia gaudente e ovunque cerca e trova sponde nelle ideologie neoconservatrici e sovraniste.

Meloni fiuta il cambio di stagione e decide che non può stare con quelli che ne reggono il timone tecnocratico, e che è venuto il momento di “conservare il futuro” e di imbarcare i suoi fratelli verso la terra promessa della riscossa della destra. Aveva già rotto con Fini, quando quest’ultimo l’aveva mollata nel Popolo della libertà (Pdl) andandosene e rischiando “di condannare la destra all’estinzione”. Adesso rompe con Berlusconi che si arrende a Monti: “non mi sento più a casa”, gli comunica. Alza i tacchi, chiude con l’addio ai padri politici il cerchio di una vita cominciata con l’addio di suo padre, vede davanti a sé “un popolo di destra, smarrito dopo anni di scandali e di crisi economica”, e fonda Fratelli d’Italia.

Commento di Franco Berardi Bifo, in una acuta lettura di qualche mese fa dell’autobiografia di Meloni: “Il retroterra psicoculturale della crisi psicopolitica dilagante è la disgregazione della figura paterna e il senso di sperdimento che questo provoca nei figli e nelle figlie. Ma sono le figlie che sanno reagire a questa condizione, grazie alla forza che ha dato loro la storia del femminismo… Invece di piagnucolare per le quote rosa, Giorgia ha preso il comando della nave che affondava. Dimentica il padre, e rifonda il patriarcato partendo dalla fratellizzazione delle donne”. Non si potrebbe dire meglio, salvo forse sostituire patriarcato con fratriarcato: Giorgia è una donna che sutura la ferita inferta nei fratelli dalla crisi del patriarcato, compattandoli e imbarcandoli da condottiera sulla nave della terra promessa. Per portarla dove?

Madri e muri

Dalla nave intanto sono scomparse le sorelle: c’è solo lei al comando, e lei decide anche del loro destino, che è né più né meno che il destino materno tradizionale, per quanto corretto con il sale e il pepe della competenza e della competizione, all’interno di una famiglia tradizionale, dove i ruoli di genere tornano al posto loro e gli orientamenti sessuali “devianti” sono risospinti in una maltollerata privatezza senza riconoscimento di diritto. Certo, è un destino centrale, perché siamo in piena crisi da denatalità e questa per Meloni è l’ossessione numero uno, in nessun modo riparabile con l’immigrazione che è la sua ossessione numero due, e dunque tutta affidata alla riproduzione – “naturale”, intende – degli autoctoni: sono i fratelli d’Italia, e solo loro, a poter ingravidare le “loro” donne, nel più classico schema sovranista.

Ma non è solo per questo destino femminile, tanto simile a quello allestito per le donne dal ventennio fascista, che sulla sua nave fratriarcale non possiamo salire: bensì perché la stiva è stipata di una paccottiglia vecchia e nuova di cui bisogna solo liberarsi. C’è una fissazione identitaria che procede per sommatoria di etichette (“io sono Giorgia, sono una madre, sono cristiana, sono patriota, sono italiana”) e che è l’inverso, concettuale e politico, della concezione anti-identitaria della differenza nel femminismo. C’è un’apologia esplicita dei muri come dispositivi di protezione invece del loro rifiuto come dispositivi di segregazione. C’è una monumentalizzazione del passato europeo che dimentica la colpa del colonialismo e derubrica quella del razzismo. C’è, come in tutto pensiero reazionario di oggi a cominciare da quello di Alexander Dugin, un astio verso la sinistra che unisce in un’unica parabola l’anticomunismo e l’antiliberalismo, e una fobia del postmodernismo che rivela, non a caso nella scia di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI, una matrice antimoderna schiettamente reazionaria.

C’è infine, ed è posta in gioco discriminante in questa campagna elettorale, un desiderio allarmante di rivincita rispetto alla storia e alla memoria della repubblica. Se Meloni sponsorizza con tanta convinzione il presidenzialismo, attenzione, non è per le ragioni di funzionalità o di efficienza dell’ordinamento accampate dai solerti liberali che le stanno aprendo le porte, ma per farne dichiaratamente la bandiera ideologica dello “scontro fra patrioti e sinistra” sulla base di una lettura fantasiosa e inaccettabile della storia nazionale di prima e dopo l’89. E se accetta di “ribadire per l’ennesima volta di non avere il culto del fascismo” è solo perché non nasconde che tuttavia il vero obiettivo da colpire per lei è l’antifascismo: niente di più e niente di meno che il fondamento della nostra costituzione.

Possiamo guardare con simpatia l’orgoglio con cui Meloni dice “sono una donna”, e rintracciarvi perfino un’impronta inconsapevole dell’eredità femminista, all’interno di una storia che tuttavia è il rovescio della nostra. Ma non possiamo seguirla nemmeno per qualche tratto sulla sua nave distopica, e dobbiamo fare di tutto perché affondi. Se fosse ancora in questo mondo, Angela Putino ci inviterebbe a praticare decisamente con lei (e un po’ meglio anche fra di noi) l’arte di polemizzare fra donne.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

I cocci

Pubblicato su centrostudiriformastato.it il 21 luglio 2022

Aggregatasi attorno alla distribuzione dei fondi del Pnrr e alla smania di “ritorno alla normalità” pre-pandemica, l’unità nazionale non ha retto, e non poteva reggere, al cambio di stagione che vede sovrapporsi e convergere sei diverse emergenze – guerra, inflazione, crisi climatica, crisi energetica, carestia, pandemia – in un concentrato catastrofico inimmaginabile solo sei mesi orsono. Non ha retto e non poteva reggere l’unità nazionale, non ha retto, anzi è definitivamente imploso, un sistema politico già sgretolato e privo di credibilità, e non ha retto nemmeno l’uomo, il tecnocrate, la riserva della Repubblica, che era stato chiamato a supplirne inadeguatezze e inefficienze.

È questa la verità profonda e sostanziale, ma che nessuno osa nominare e ammettere, di una crisi altrimenti inspiegabile. Cominciata con un pettegolezzo poco dignitoso per i suoi stessi protagonisti, il Comico e il Tecnocrate. Proseguita con una scissione calcolata – e probabilmente teleguidata – a tavolino per garantire la tenuta del governo, e rivelatasi una miccia per il suo affossamento. Imputata tutta al gesto di sottrazione dei 5S – un non-voto, non una sfiducia – che alla fine della storia appare il gesto meno opaco di tutti, ancorché dilettantesco. E finita con uno schiaffo del centrodestra, l’unico che dalle elezioni anticipate ha tutto da guadagnare (ma poi chissà), perché alla fine in politica gli interessi e i numeri contano più degli inchini e delle genuflessioni.

Più che quella dei singoli attori, incomprensibile rimane la conduzione della crisi da parte del protagonista del plot, che sembra aver fatto di tutto non per tutelare ma per terminare il suo governo. Prima l’inserimento non necessario, nel voto di fiducia sul “decreto aiuti”, di un provvedimento indigeribile (il famigerato inceneritore) per i 5S. Poi le dimissioni, né dovute né necessarie né opportune, malgrado la fiducia delle due Camere. Poi l’impianto del discorso di ieri al Senato, con tre errori marchiani: un programma più da inizio che da fine legislatura, puntigliosamente volto a inasprire invece che a smussare le tensioni con i 5S e la Lega; l’accento populista della contrapposizione fra “gli Italiani” mobilitatisi per il premier e il parlamento e i partiti meno meritevoli della sua considerazione; la rivendicazione senza se e senza ma, aggressiva e ultimativa, della posizione assunta sulla guerra. Draghi voleva andarsene e dimostrare, a Mattarella in primis, che non poteva fare altro che andarsene? O puntava maldestramente su una ulteriore scomposizione del sistema politico che mettesse fuori gioco “i populisti”, ovvero sullo sgretolamento definitivo dei 5S e sull’emarginazione della Lega nel centrodestra che invece si è compattato?

Ora tutti, salvo Giorgia Meloni, dicono che nessuno voleva le elezioni anticipate. Ma non è vero, perché invece le volevano tutti, perché tutti – e forse lo stesso Draghi – sono terrorizzati dall’autunno che ci aspetta con il concentrato di emergenze di cui sopra, nessuno – e forse lo stesso Draghi – sa come gestire un tasso di inflazione che mette in mora i fondamentali delle (rovinose) politiche economiche degli ultimi decenni, e tanto vale mandare a schiantarsi su questo disastro annunciato Meloni, che guarda caso è l’unica donna della situazione – ammesso, s’intende, che i suoi due virilissimi alleati glielo consentano.

Restano, come sempre, i cocci da raccogliere, e quelli dell’esperimento Draghi, anzi Mattarella-Draghi, sono cocci pesanti. Com’era o avrebbe dovuto essere evidente fin da subito, la soluzione tecnocratica non ha lavorato per una ricomposizione ma per una ulteriore scomposizione del sistema politico. Non ha sgombrato il campo da populismo e sovranismo, perché se il 5S si sono sgretolati – alimentando l’astensione – FdI e Lega continuano a prosperare. Ha invece ulteriormente indebolito il campo del centrosinistra, con un Pd identificato senza resti con Draghi e quindi oggi sconfitto con lui, l’alleanza con i 5S saltata e il “campo largo” ristretto al rapporto con i vari Renzi e Calenda ringalluzziti. Il tutto nella camicia di forza di un bipolarismo imposto dalla legge elettorale ma ormai privo di qualunque sostanza.

Soprattutto, sono la rappresentanza e le istituzioni a uscirne ulteriormente provate: con le performance grottesche come quella di ieri al Senato, senza dimenticare quella di pochi mesi fa per l’elezione del capo dello Stato, ma anche con novità inquietanti come le “manifestazioni spontanee” a sostegno del premier, orchestrate nell’ultima settimana da poteri forti e deboli, e da corporazioni di varia natura (oltre ogni immaginazione la lettera al premier dei neuroscienziati). La stessa Presidenza della Repubblica, cui la soluzione Draghi si deve interamente, ne esce evidentemente diminuita. In compenso le novità non mancano. Dopo la democrazia dell’applauso sperimentata nel ventennio berlusconiano, nel bagno purificatore dell’astensionismo di massa e all’ombra dei poteri internazionali garanti del tecnocrate è nata la democrazia della supplica. Suppliche a Mattarella perché restasse, suppliche a Draghi perché non ci abbandonasse.

Sono tutti argomenti, purtroppo, a favore della propaganda antioccidentale di Putin, e a sfavore delle democrazie armate di valori tanto predicati quanto traditi. Ci aspettano tempi pesanti.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Amministrative, la festa e il segnale

Pubblicato il 1 luglio 2022 su centrostudiriformastato.it

Fra le croniche oscillazioni della politica italiana c’è una sola certezza, ed è che sempre meno cittadini/e considerano il voto un diritto-dovere utile e significativo per la propria condizione e la propria esistenza. Se ne dovrebbe ragionare molto – disaffezione o protesta? Rassegnazione passiva o esodo attivo? Spoliticizzazione o bisogno di una politica diversa da quella che c’è? – e invece ogni volta il non-voto scivola via dalle analisi del giorno dopo come fosse una grandinata che poi passa, e i conti si fanno solo con i voti espressi, corrispondenti ormai a meno della metà del corpo elettorale. Applicando peraltro alla dimensione locale giudizi e pregiudizi presi dalla dimensione nazionale, il che non aiuta a fare l’operazione inversa, cioè a cogliere dalla dimensione locale i segnali utili per leggere meglio quella nazionale.

È stato così anche con la mini-tornata di amministrative conclusa domenica scorsa, che è stata complessivamente assegnata al cosiddetto “campo largo” di centrosinistra in supposta rimonta su un centrodestra litigioso e diviso. Il che sommariamente è vero, ma solo sommariamente, e rischia di far passare per conferme dello schema bipolare processi che sono al contrario effetti del suo sfarinamento.

Prendiamo il caso di Catanzaro, che per una volta fa notizia non per il suo rassegnato consenso al campo moderato ma per la brillante vittoria della coalizione di centrosinistra guidata da Nicola Fiorita, il quale ha sbaragliato al ballottaggio (58,24 a 41,76) quella di centrodestra guidata da Valerio Donato, ribaltando il risultato del primo turno (44 a 31 per Donato). Una vittoria della strategia del “campo largo” di Enrico Letta, com’è stato detto nelle dirette televisive notturne e sui quotidiani del giorno dopo? Sì e no. Lo stesso Letta, in una intervista su La Stampa di martedì scorso, ha ammesso con onestà che il risultato si deve soprattutto alla “solidità dei candidati”, e che il successo di due candidati civici come Fiorita a Catanzaro e Tommasi a Verona dimostra che tanto i voti conquistati tanto la semina di una nuova classe dirigente provengono da bacini più larghi di quelli di partito. Quello che Letta non aggiunge è che invece è tutta da ricondurre alle contorsioni del suo partito la bizzarra situazione che a Catanzaro ha visto scontrarsi due personalità entrambe di sinistra, Fiorita e Donato, l’uno, esterno al Pd, a capo di una coalizione di centrosinistra, l’altro, fino a poco prima internissimo al Pd, a capo di una prevalentemente di centrodestra. Com’è potuto accadere?

Passo indietro di cinque anni. In vista delle comunali del 2017, Nicola Fiorita, docente di diritto all’Unical di Cosenza all’epoca quarantottenne, si candida a sindaco mettendo in piedi il movimento civico Cambiavento, che eredita e rilancia fra l’altro quello che aveva sostenuto la giovane e brillante candidatura di Salvatore Scalzo nel 2011. Fiorita si propone già allora come frontman di tutto il centrosinistra, ma il Pd non ci sta e candida un esponente di partito, che va al ballottaggio contro Sergio Abramo (FI poi trasmigrato nella Lega) e perde. Forte di un ottimo risultato al primo turno, Fiorita non molla. Fa opposizione in consiglio comunale (ma si dimette quando viene infondatamente sfiorato da un’inchiesta giudiziaria presto archiviata), mantiene in vita Cambiavento, lavora sul radicamento territoriale senza sacrificare al professionismo politico altre passioni: il collettivo di scrittura Lou Palanca, l’impegno con Libera, la rete di Slow Food. Diventa insomma una sorta di testimonial di quello che i giovani catanzaresi non rassegnati al destino dell’emigrazione vogliono sentirsi dire: che nella loro città si può vivere senza rinunciare a essere sé stessi.

Nel frattempo, durante la quarta sindacatura di Abramo – e mentre Catanzaro assume il volto bizzarro di una sorta di megalopoli in sedicesima, con i quartieri che si snodano lungo una verticale lunghissima scollegati l’uno dall’altro, il centro storico che si spopola di abitanti e attività, il commercio che langue, l’edilizia che fa quello che vuole, il traffico che impazzisce – il centrodestra si scompone e si decompone per ragioni politiche e giudiziarie, e il solido blocco di potentati economici che da sempre lo vota rischia di ritrovarsi senza sbocco amministrativo. Tradizionalmente molto moderata, la città adesso è contendibile da sinistra, e Fiorita è pronto a riprovarci.

Stavolta il Pd non ripete l’errore del 2017 e lo sostiene, e così pure il M5S oltre a SI e al movimento di De Magistris. Ed è a questo punto che interviene a sorpresa l’autocandidatura di Valerio Donato, “aperta a tutti”. Donato non è uno qualunque. Anche lui docente di diritto all’Università Magna Graecia di Catanzaro, nonché presidente dell’omonima Fondazione e in precedenza aspirante rettore, è un intellettuale stimato, un avvocato affermato e soprattutto un uomo di solide radici nel Pci-Pds-Ds-Pd, fino a un attimo prima tutt’altro che ostile al progetto Fiorita. Ma il Pd calabrese è in fase congressuale, e le sue movenze interne sono incomprensibili ai più. Fatto sta che Donato straccia la tessera e si lancia in un’avventura trasversale in cui conta di gestire gli apporti di Fi e della Lega, mentre sarà lui a esserne usato e giocato. Tutte le consorterie del voto di scambio saltano sul carro, camuffate da liste civiche senza simboli di partito che oscurano i segmenti minoritari di centrosinistra pur presenti nella coalizione. Solo Giorgia Meloni annusa l’impresentabilità dell’operazione e impedisce alla sua esponente di spicco locale di farne parte, costringendola a correre da sola.

Gli annunci dell’esito finale stanno già nei risultati del primo turno, dove sotto l’ampio vantaggio di Donato su Fiorita si intravedono i due dati salienti che consentiranno il ribaltamento del ballottaggio. Il primo: Donato è sotto di parecchi punti rispetto alle sue liste, segno che i capibastone della destra, una volta eletti, sono pronti a mollarlo, come infatti accadrà al ballottaggio quando gli verranno meno circa 8000 voti malgrado l’appoggio, stavolta, di Fdi. Il secondo: nella coalizione di Fiorita le due liste civiche di Cambiavento doppiano con un totale del 14,50% il risultato assai modesto del Pd (5,8) e del M5S (2,7), grazie a una campagna elettorale capillare, quartiere per quartiere e caseggiato per caseggiato, che si intensificherà nelle due settimane del rush finale.

Finisce con un ribaltone superiore a qualunque aspettativa, cui solo in parte contribuisce la convergenza su Fiorita di parte della coalizione centrista di Talerico arrivata terza al primo turno, e che con ogni evidenza premia la tenacia del candidato, il radicamento di Cambiavento sul territorio, la costruzione di una squadra giovane, piena di energia e di per sé dimostrazione che il cambiamento, generazionale e politico, è possibile e anzi è già in atto. È il lavoro politico che un tempo facevano i partiti di massa, che oggi i loro eredi residuali non sanno fare, e che rispunta, a Catanzaro come a Verona come in altri esperimenti degli ultimi anni, in una generazione allevata al comandamento neoliberale del fai-da-te che alla fine ha imparato a fare da sé anche in politica. Nessun “campo largo” può più fare a meno di questi laboratori cresciuti dentro e contro la desertificazione della politica ufficiale. Sarebbe una lezione da tenere presente in vista delle prossime politiche, ben più dell’aritmetica delle sigle di partito ufficiali e dei capricci dei loro leader. E sarà una lezione da tenere ben presente nella stessa Catanzaro, dove solo tenendo in vita questo laboratorio sarà possibile amministrare vincendo le resistenze degli sconfitti, che al momento possono contare in consiglio comunale su una maggioranza di seggi in stridente contrasto con la festa allegra e liberatoria esplosa in città.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Aborto, chi arretra e chi no

Pubblicato su internazionale.it il 25 giugno 2022

Ci vollero tre anni e una maggioranza di sette giudici a favore e due contrari per approdare, il 22 gennaio 1973, alla sentenza Roe vs Wade, che rese l’aborto praticabile in tutti gli Stati Uniti ancorando al principio della privacy sancito dal 14° emendamento della costituzione l’autodeterminazione della donna sul proprio corpo e conseguentemente la sua libertà di scegliere se portare o non portare a termine una gravidanza. Ci sono voluti cinquant’anni e una maggioranza di sei giudici a tre per cancellare quella sentenza e con essa la copertura costituzionale della possibilità di abortire, rendendola disponibile alla decisione – e dunque alla maggioranza di governo – dei singoli stati americani e sottraendola all’autodeterminazione femminile. Significa che la possibilità di abortire dipenderà dallo stato in cui si vive, o dalla possibilità, innanzitutto economica, di recarsi in un altro stato. Da un diritto costituzionalmente protetto a livello federale si passa alla normativa dei singoli stati, e all’arbitrio delle maggioranze politiche di ciascuna legislatura. 

Nel corso di questi cinquant’anni l’aborto non ha mai smesso di essere, negli Stati Uniti come in Italia e ovunque nel mondo, oggetto di una incessante guerra culturale fra sostenitori e avversari della libertà di scelta delle donne. La destra tradizionalista ha fatto per decenni dell’abbattimento del diritto di abortire la sua principale bandiera, ma è solo grazie all’arroganza con cui Trump ha ridisegnato a propria immagine e somiglianza il profilo della corte suprema, nominando tre giudici ultraconservatori, che infine è riuscita a sfondare. E già promette di estendere alla contraccezione, alle convivenze e al matrimonio omosessuale il principio “originalista” della sentenza antiabortista, ovvero un’interpretazione restrittiva della costituzione, secondo la quale quest’ultima va applicata in base all’intento e al contesto originari in cui nacque e che non prevedevano né l’aborto né altri diritti successivi. Il fatto dunque è massimamente sintomatico dello stato di anomia in cui la democrazia americana di ritrova dopo il terremoto trumpiano, come notano oggi tutti i quotidiani americani e italiani, connettendolo giustamente al più generale attacco alle istituzioni e alla più generale guerriglia civile innescati da Trump, nonché alle storture (quella del dispositivo elettorale in primis) di un sistema che sempre più palesemente favorisce la minoranza suprematista bianca, repubblicana e tradizionalista. Ma non si tratta solo di questo. 

Il fatto è che in tutto il mondo la conflittualità geopolitica e sociale sta cercando una valvola di sfogo in una stretta del controllo sul corpo, la sessualità e la libertà femminili. Più l’ordine patriarcale traballa e degenera, più si vendica tentando di ripristinare il dominio maschile sulle donne: è un elemento centrale e cruciale, non accessorio o marginale, della crisi di civiltà che stiamo attraversando. Ed è un dispositivo che si attiva, sia pure a diverse gradazioni, a tutte le latitudini e sotto tutti i regimi politici, autocratici e democratici, laici e fondamentalisti. Che la libertà delle scelte riproduttive venga messa in discussione con argomenti non dissimili da quelli del patriarca russo Kirill proprio nella democrazia che in nome dei valori democratici sta combattendo una guerra per procura contro il regime autocratico russo suona dunque come una sonora smentita dell’ultima versione dello “scontro di civiltà” che anima e legittima la propaganda occidentale sulla guerra in Ucraina tentando di innalzare un nuovo muro fra “il mondo libero” occidentale e il dispotismo orientale. Avremmo preferito che questa sonora smentita non passasse sul corpo delle donne. Ma per gli autocrati e i tradizionalisti – esterni, come Kirill e Putin, e interni alle democrazie, come Trump e i suoi alti togati – si rivelerà un boomerang. C’è una legge storica fin qui mai smentita, ed è che dopo il femminismo novecentesco, sul piano della libertà riproduttiva le donne non arretrano. Non arretreremo neanche stavolta, come già dimostrano le manifestazioni che popolano le piazze americane, e presto potrebbero dilagare altrove attraversando le vecchie e le nuove cortine di ferro innalzate dagli uomini in guerra. 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Ucraina, la terra di confine

Pubblicato su Jacobin Italia n.15, estate 2022

Da sempre territorio di conquista conteso fra Est e Ovest, la terra dilaniata di Ucraina – dalla radice slava kraj, “confine”: un nome, un destino – si trova a essere oggi teatro di una sanguinolenta riscrittura della coppia Occidente – Oriente, sotto le insegne di una guerra guerreggiata fra due forme di regime politico cui noi occidentali diamo il nome di “democrazia” e “autocrazia”. Così, almeno, la crosta; sotto la quale il conflitto più sostanziale che si gioca è quello fra (crisi della) globalizzazione e volontà di potenza nazionaliste e imperiali, con molte carte coperte che riguardano la produzione e la circolazione delle risorse primarie e delle merci. Ma stiamo alla crosta, cioè alla rappresentazione, che non è mai pura propaganda né pura ideologia bensì messa in scena performativa, carica di effetti politici e culturali realissimi.
Su quel teatro dunque si confrontano da novanta giorni tre narrative della guerra, quella russa, quella occidentale, quella ucraina, specchio e copertura di problemi preesistenti e preludio e incubazione di nuovi. In tutte e tre agisce un intreccio fra presenza fantasmatica del passato remoto e rimozione del passato recente, che facilita il differimento all’infinito della posta in gioco principale di questa guerra, che non è il Donbass bensì la ridefinizione dell’ordine mondiale nato dalla fine della Guerra fredda.

Soprattutto nella narrativa russa la mobilitazione dell’immaginario del passato è decisiva per la mobilitazione bellica del presente. Fin dal discorso con cui il 23 febbraio scorso annunciò la sua “operazione militare speciale”, Putin ha usato esplicitamente la storia per sollecitare l’orgoglio nazionale, inscrivendo la “denazificazione” dell’Ucraina nella scia della “guerra patriottica” russa contro il nazifascismo e inserendo il proprio disegno politico e geopolitico nella long durée dell’impero russo, di una Unione sovietica “depurata” dal leninismo e di una ritrovata alleanza con la chiesa ortodossa e i suoi valori tradizionalisti. In questa prospettiva, “l’Occidente” – termine che nella lingua di Putin è sinonimo di Stati uniti, o dell’egemonia statunitense sull’intero campo transatlantico – è imputato non soltanto dell’allargamento a est della Nato perseguito dagli anni novanta in poi, ma più radicalmente di aver imposto dopo l’89 un ordine mondiale unipolare, basato su valori individualistici e decadenti. Si tratta di una prospettiva del tutto coerente con la diagnosi putiniana – peraltro non priva di ragioni – del crollo dell’Urss come “catastrofe geopolitica epocale”, ma del tutto priva di autocritica sulle dinamiche interne alla Russia che le hanno fatto perdere la scommessa di una modernizzazione sostenibile e di un’evoluzione positiva del sistema politico. Né la plutocrazia oligarchica, né la resa a un capitalismo globale predatorio, né il rigurgito dei nazionalismi, né l’impianto illiberale e dispotico della cosiddetta “democrazia sovrana” putiniana entrano mai nel conto della perdita di potenza e attrattività del modello russo subentrato alla “catastrofe geopolitica” del ’91; le responsabilità vengono proiettate solo sul nemico occidentale, con le note conseguenze vittimiste e revanchiste. Si dirà che un sistema autocratico come quello di Putin non può legittimarsi in altro modo che glorificandosi ed espungendo da sé ogni autocritica; ma come vedremo subito questo non è un vizio esclusivo degli autocrati.

Ne soffre parimenti infatti la narrativa con cui l’Occidente a guida americana sta legittimando la sua proxy war contro la Russia per interposta Ucraina. Qui il riflesso della storia lunga entra solo di soppiatto, con la voglia, per usare un’espressione di Limes, di “farla finita con l’Orso una volta per tutte”. A essere mobilitato è piuttosto l’immaginario del nemico così come è stato riformulato negli anni Novanta dai neocon, mediante la costruzione di fronti che di volta in volta configurano lo “scontro di civiltà” in cui l’Occidente deve ingaggiarsi sotto la bandiera della difesa – armata – della democrazia. Conclusosi ingloriosamente la scorsa estate, con il ritiro da Kabul, il ventennio dominato dal paradigma dello scontro fra l’Occidente e l’Islam che dopo l’11 settembre aveva legittimato le war on terror, l’establishment non più neocon bensì liberal americano l’ha sostituito con quello dello scontro fra l’Occidente democratico e l’Oriente autocratico: uno schema che ben si adatta a rinverdire il conflitto con il vecchio e mai dimenticato nemico della guerra fredda, ma anche a preparare quello con il nuovo e più decisivo nemico cinese, nonché a regolare i conti con l’autocrate interno ancora in agguato che risponde al nome di Donald Trump.
Per capire come questa narrativa sia stata tenacemente allestita basta ripercorrere la sequenza puntuale degli articoli con cui Anne Applebaum – firma di The Atlantic, studiosa accreditata dell’area post-sovietica e oggi front-woman della proxy war sui media americani e italiani – ha anticipato ogni mossa dell’intervento “da remoto” degli Usa in Ucraina, compreso il salto dal sostegno alla resistenza difensiva del paese aggredito all’obiettivo della sua vittoria sull’aggressore. L’analisi di Applebaum poggia senz’altro su dati di realtà incontrovertibili, come l’impianto autoritario del regime putiniano, nonché su ipotesi plausibili, come quella di un disegno economico e politico che unirebbe gli “autocrati” di tutto il mondo in un fronte competitivo contro la globalizzazione a guida occidentale, e infine sulla presa d’atto che l’ordine mondiale basato sul diritto internazionale del secondo dopoguerra non funziona più. Ma soffre di quattro sorprendenti omissioni, che anche qui riguardano il trentennio post-‘89. La prima: se il diritto internazionale non funziona più è anche perché gli Stati uniti e la Nato sono stati i primi a demolirlo, ad esempio con la guerra “umanitaria” nella ex Jugoslavia e con l’invasione dell’Iraq, due precedenti che oggi forniscono un formidabile alibi all’avventura scellerata di Putin in Ucraina. La seconda: la sostituzione della base giuridica dell’ordine mondiale con una base morale che divide il mondo in buoni e cattivi non fa ordine geopolitico: al contrario, ha fin qui aumentato il disordine ovunque sia stata applicata. La terza: la democrazia è certamente il migliore, o il meno cattivo, dei regimi politici fin qui sperimentati dall’umanità, il che non basta tuttavia a trasformarla né in una religione armata né in una teleologia: come dimostrano i precedenti afghano, iracheno, libico, siriano non c’è alcuna garanzia che la sconfitta ieri dei dittatori e dei fondamentalisti, oggi degli autocrati evolva naturaliter nella fioritura di democrazie sane e vigorose. La quarta infine: le derive autocratiche non sono purtroppo appannaggio esclusivo di società orientali storicamente conformate al dispotismo (così come vent’anni fa le derive fondamentaliste non erano appannaggio esclusivo del mondo islamico): purtroppo per noi si affacciano dall’interno della crisi delle democrazie, o per meglio dire dai processi di de-democratizzazione innescati ovunque dal trionfo del paradigma neoliberale, come gli Stati uniti dovrebbero sapere dall’avventura perturbante di Trump e come l’Unione europea dovrebbe sapere dalle spinte nazionaliste e autoritarie cresciute al suo interno negli ultimi decenni.

Forse infatti lo sanno, ed è per questo che attribuiscono alla terza narrativa della guerra, quella ucraina, il valore di una sorta di cura ricostituente dell’immagine appannata della democrazia occidentale. Veniamo dunque alla prestazione politica e ideale di Zelensky, adeguatamente coreografata, dicono i bene informati, dagli story-liner hollywoodiani oltre che da quelli ucraini già sperimentati nella trasformazione del leader da attore a presidente. Qui torna l’intreccio fra uso del passato remoto e rimozione del passato recente: la memoria della Seconda guerra mondiale viene scagliata contro Putin, novello Hitler da fermare con qualunque mezzo prima che proceda a invadere il resto dell’Europa, mentre si tace delle complicità con il nazismo di cui pure la storia ucraina degli anni Trenta reca traccia. E si sorvola su tutte le tappe, dalla deriva di destra di Euromaidan alla guerra civile nel Donbass all’integrazione nelle strutture statali di ingombranti retaggi nazistoidi, che hanno reso a dir poco accidentata e controversa la strada della democratizzazione intrapresa dall’Ucraina. Ma in verità ciò che in questa narrativa conta davvero non è il passato bensì il futuro. Giovane come il suo leader, la democrazia ucraina sta lì a dimostrare che qualunque ferita può essere lenita dal desiderio di Europa e di occidente, che le offese si riscattano con l’eroismo sacrificale patriottico, che uno scacco può essere trasformato in un’opportunità, il coraggio della disperazione in un brand, l’assedio di un invasore brutale in capacità di comunicare con il mondo. La teleologia democratica è salva?
Andrebbe notato non parenteticamente che la narrativa ucraina rappresenta anche una soluzione neo-patriarcale alquanto sintomatica per chi, come la sottoscritta, vede oggi nel declino della legge del padre un tratto decisivo del disordine mondiale e di una conflittualità sociale trasversale a regimi politici diversi fra loro. Fra il recupero improbabile di un patriarcato arcaico promosso da Putin in combutta con Kirill e il post-patriarcato occidentale punteggiato di regressioni quali le manovre antiaborto che avvicinano gli Stati uniti alla Polonia, la comunicazione di guerra di Zelensky e del suo governo opta per un neo-patriarcato nazionalista basato sul recupero di valori virilisti e patriottici ottocenteschi, che divide le donne cooptando quelle disposte a indossare la tuta mimetica dell’eroismo maschile (tipica la vicepremier Irina Vereščuk) e lasciando le altre a incarnare il ruolo delle vittime designate, madri di figli perduti in combattimento, profughe destinate al mercato del lavoro precario europeo, anziane abbandonate fra le rovine delle loro case. Con i danni materiali e simbolici di questa operazione, in uno scenario in cui gli uomini si riprendono lo scettro della volontà di potenza dopo una pandemia che l’aveva messo a dura prova, bisognerà fare i conti adeguatamente, anche in relazione ai destini della democrazia.

Ma per chiudere il ragionamento abbozzato finora, qui mi preme infine sottolineare come la narrativa di Zelensky abbia sapientemente fatto leva, più che sulla solidarietà, sull’identificazione dell’Europa con la causa ucraina, sollecitandola con lo spettro dell’avanzata russa su tutto il continente, con l’assimilazione della resistenza ucraina a quella antifascista italiana, con l’aderenza dei discorsi di Zelensky ai diversi contesti nazionali a cui erano rivolti. E l’Europa ha accolto questa sollecitazione, identificando a sua volta la causa ucraina con la causa della democrazia europea tout court. E abbracciando a sua volta quella teleologia che idealizzando la democrazia perde di vista le deformazioni e i guasti che connotano oggi le democrazie reali, Ucraina in primis, e ne sfumano le distinzioni dai regimi autoritari che vorrebbero combattere frontalmente.
Anche l’Europa, e perfino più degli Stati uniti, si e ci racconta questa guerra rimuovendo le proprie responsabilità che nell’ultimo trentennio hanno contribuito a prepararla. Prima fra tutte un allargamento a Est dell’Unione volto più ad annettere al mercato i paesi dell’ex blocco sovietico che a seguirne e sorvegliarne i percorsi di democratizzazione. E dunque colpevolmente distratto rispetto alle derive identitarie, nazionaliste, sovraniste, misogine, suprematiste cresciute in quei paesi nonché, come la stessa Italia dimostra, in quelli dell’Europa occidentale. In Europa come negli Stati uniti, i processi di de-democratizzazione sono andati di pari passo con la difesa armata della democrazia e diventano galoppanti nelle fasi di guerra guerreggiata, come dimostra l’indecente militarizzazione del dibattito pubblico italiano in queste settimane. Sono questi i dati di realtà che dovrebbero fare da bussola di un agire politico sensato. Contrastare un’autocrazia aggressiva come quella russa in nome della democrazia è giusto, a patto di capire che lo scontro fra regimi politici idealmente contrapposti è in realtà meno frontale di quanto sembri, e che farne una crociata morale armata non porta ordine ma disordine mondiale. Solidarizzare con l’Ucraina aggredita è doveroso, ma identificare nell’Ucraina la nuova frontiera della democrazia europea può comportare costi altissimi per gli equilibri politici e la qualità democratica dell’Unione tutta.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento